Madagascar National Parks      Conservazione   Ecoturismo   Sviluppo durevole   Messa in concessione      Accoglienza   Notizie
Madagascar National Parks
 

Parco Nazionale Terrestre
Andohahela
Andringitra
Ankarafantsika
Ankarana
Baie de Baly
Bemaraha
Isalo
Kirindy Mitea
Mananara Nord
Mantadia Andasibe
Marojejy
Masoala
Midongy Befotaka
Montagne d'Ambre
Ranomafana
Tsimanampesotse
Tsingy de Namoroka
Zahamena
Zombitse Vohibasia


Parco Nazionale Marino
Mananara Nord
Sahamalaza


Rizerva Naturale Integrale
Bemaraha
Betampona
Lokobe
Tsaratanana
Zahamena


Riserva speciale
Ambatovaky
Ambohijanahary
Ambohitantely
Analamerana
Andasibe Analamazaotra
Andranomena
Anjanaharibe Sud
Bemarivo
Beza Mahafaly
Bora
Cap Sainte Marie
Ivohibe
Kalambatritra
Kasijy
Mangerivola
Maningoza
Manombo
Manongarivo
Marotandrano
Montagne et Forêt d’Ambre
Tampoketsa Analamaintso



Le attualità dell’area protetta Kalambatritra
Non c’è attualità per ora...
 

Kalambatritra
La riserva speciale di Kalambatritra è situata nel Sud Est, al confine delle regione di Horombe e di Anosy. La biodiverstità di Kalambatritra è anche importante per la presenza simultanea delle specie del Sud, dell'Est e degli alti piani nello stesso luogo. GPS: 23°28 Sud e 46°29 Est.



La Riserva Speciale di Kalambatritra è situata a circa 55 km all’Est di Betroka. La temperatura media annuale è di 21,9°C. Il Massiccio di Kalambatritra costituisce una riserva d’acqua importante. E percorso dai numerosi ruscelli che alimentano le 3 grandi fiumi l’Ihosy, l’Ivahona e la Manambola. Tutti fiumi vanno a ingrossare l’Onilahy.


La fauna

La comunità degli uccelli di Kalambatritra è paragonabile a quella della foresta dell’Est con 72% specie conosciute di cui 68% sono endemiche del Madagascar e 16%, endemiche Della regione.

Sei specie di lemuri sono state incontrate, di cui 2 specie cathemerali, l’Eulemur collaris, l’Hapalemur griseus, e 4 specie notturne, il Microcebus, il Cheirogaleus, l’Avahi laniger e il Lepilemur mustelinus . Dai micromammiferi locali terrestri, 16 specie sono stati identificati. Due tra di cui, l’Eliurus majori e il Microgale principula sono classificati « minacciati ».

La flora

Gli inventari nella riserva di Kalambatritra hanno registrato 102 famiglie d’Angiosperme repartite in 342 generi e 699 specie. Due famiglie sono endemiche : le Torricelliaceae  tra cui si riconosce il Melanophylla alnifolia e le Sarcolaenaceae di cui la specie Leptolaena pauciflora. Tra le 342 generi registrate, 29 sono endemiche del Madagascar.
 

 

Viaggio astuto...

Per la vostra visita a Kalambatritra, mettete nel vostro bagaglio un impermeabile: i temporali sono frequenti. Portate delle scarpone a rampone. Portate una torcia per gli spostamenti notturni. Attenzione, non trascurate il vostro trattamento antimalaria. Nel caso in cui una sanguisuga si appende a voi, non gettate nel panico: basta mettere del sale o del tabacco per staccarl. Portate pure dei pacchetti d’acqua minerale.

Una banca si trova ad Ihosy e l’ospedale più vicino a Betroka. Kalambatritra e  i suoi dintorni sono coperti dalle rete telefoniche Zain e Telma.
 

La storia della riserva speciale

La riserva speciale di Kalambatritra è stata creata nel 1959. La gestione di questa riserva è stata affidata dallo Stato a Madagascar Nationale Parks, dall'avvento del programma Ambientale II. La struttura operativa è stata creata nel 2005.
Kalambatritra si distingue nella rete nazionale delle aree protette per la sua foresta fitta umida di bassa altitudine che ospita molte specie vegetali come il Melanophilla alnifolia, il senecio Kalambatritiensis, il Psychotria ivakoanyensis.... e degli animali come gli uccelli, i lemuri, e gli anfibi. I suoi paludi che ospitano delle specie rare come l'Anas melleri, minacciata per causa della pesca tradizionale fanno anche la sua particolarità. Tra le specie di lemuri minacciate nella riserva di Kalamatritra, abbiamo l'Elemur collaris e l'Eulemur fulvus rufus.

Al paese dei Bara

I Bara vivono nei dintorni di Kalambatritra. Spontani, allegri e molto independenti, i Bara sono una tribu rispettuosa delle tradizioni, e particolarmente quelle che gli uniscono agli antenati. Le ceremonie funerarie Bara costituiscono tutto un fenomeno e gli « Kibory », tombe tradizionali sono abbastanza spettacolare. I siti funerari del villaggio d’Andriambe in mezzo alla riserva testimoniano di questo legame ai defunti. I Bara credono alla stregoneria e i loro corpi sono spesso marcati dalle cicatrice: gli indovini introduscono in queste incisione, polveri oppure un pezzettino di legno magico per portare fortuna o per proteggersi.

Infine, tra le numerose tribu del Madagascar, i Bara sono conosciuti per la loro pettinatura singolare: gli uomini mettono un pettine in loro cappelli, le donne decoranno le loro treccie di mille e un fermacappelli … Quel popolo vive essenzialmente dell’allevamento, ma il maiale è generalmente tabou. L’allevamento porcino non è visto che nel Sud Ovest della riserva, sulle terre dei Zafindravala.

Perché proteggere Kalambatritra?

Le attività dei villaggi vicini della riserva hanno una conseguenza sul Kalambatritra. Dei fuochi sono spesso accesi per rifornire il pascolo del bestiame. Il legno necessario per la scultura artiggianale o la costruzione delle case è generalmente tagliato nella riserva. Il bracconaggio e la risicoltura su un terreno debbiato riduscono progressivamente le richezze di questa natura selvatica. Ora, la riserva è importante per la rappresentazione e la conservazione della biodiversità malgascia: Kalambatritra fa parte delle zone più ricche in specie con 98,8% di habitato naturale in tutta la riserva.

Annaffia anche le regione d’Ihorombe e d’Anosy perchè parecchi corsi d’acqua provengono dal sito. Kalambatritra è traversata dalla linea di spartizione tra il Mozambico (Ihosy, Ivahona, Volotaray) e l’Oceano Indiano (Ionaivo e i suoi affluenti, Menakiaiky). Il massiccio di Kalambatritra è percorso da una massa di piccoli ruscelli che alimentano tre grandi fiumi: Ihosy che raggiunge il Zomandao, Ivahona che si riversa nel Mangoky e Manambola che raggiunge Ionaivo per sfociare nel fiume di Mananaea. Tutti i fiumi vanno ingrossare il letto dell’Onilahy.

La biodiversità di Kalambatritra è importante anche per la presenza simultanea delle specie del Sud, dell’Est e degli alti piani nello stesso luogo. Delle specie considerate in pericolo vi si trovano in numero importante. Tante raggioni che fanno della riserva anche un luogo di riserva scientifica.

Un paesaggio in contrasto

Intorno della riserva di Kalambatritra, il paesaggio designa dei vasti terreni di percorso, ai suoli rovinati dall’incendio forestale, delle foreste di bambù lungo ai corsi d’acqua, delle fonde valle transformate in risaie, le tracciate dei piccoli canali di irrigazione si snodano ai fianchi delle colline, le sommità superate dai massicci di granito. Un corridoio di 20km di savane separa la riserva speciale di Kalambatritra dal Parco di Midongy del Sud. La temperatura media è di 21,9°C, la stagione umida si estende da ottobre ad Aprile e l’inverno da luglio ad Agosto . Kalambatritra è una regione temporalesca.


I microprogetti di Kalambatritra

Se viaggiate in macchina, preferite un veicolo robusto: la strada è lunga

Per strada :

Antananarivo-Kalambatritra. E un tragitto di 800 km in quattro giorni, praticabile unicamente tra maggio e dicembre.

Prendete la strada statale N°7 che collega Antananarivo e Fianarantsoa, cioè 407km asfaltate
Da Fianarantsoa, proseguite sempre sulla strada statale 7 verso Ihosy : 206km asfaltate.
Poi, sempre sulla stessa strada, proseguite verso Kelivondraka : 16km asfaltate.

Dopo Kelivondraka,  la strada non è più asfaltata. Prendete la strada statale 13 verso Betroka : 116 km. Da Betroka, raggiungete Ivahona, a 20 km prendendo la strada comunale. Ivahona e Kalambatritra sono collegati da un sentiero pedestro lungo di 35 km.

In Taxi-brousse :

Antananarivo-Fianarantsoa
Stazione: Route Digue, « Fasan’ny karana », tutti giorni.

Fianarantsoa-Betroka o Fianarantsoa-Ihosy
Frequenza: tutti giorni

Ihosy-Betroka
Frequenza: tutti giorni

Da Betroka, raggiungete da Ivahona a Kalambatritra con sentiero pedestro di 35 km.

Kalambatritra non disponne dei circuiti pianificati per il momento. Però le visite sono permesse, anche non esitate a fare un trekking nei brandelli forestali della riserva, partite all’incontro dei lemuri e godete del paesaggio di foresta fitta umida, delle palude, delle savane e delle magnifiche  cascate e fiumi. In mancanza di guide, i contadini possono farvi visitare la riserva.





L’ufficio della riserva speciale di Kalambatritra si trova a Betroka. Per il momento, la riserva non dispone ancora di infrastrutture di accoglienza, tuttavia la popolazione locale può servirvi di guida se desiderate campeggiare, vi consigliamo di portare il vostro proprio materiale. Esiste degli alloggiamenti a Betroka ma in condizione molto semplice, senza comodità.

Contatti :

Direction Inter-Régionale de Madagascar National Parks à Fianarantsoa
BP 1363 Antsorokavo, près du temple Jesosy Mamonjy
Fianarantsoa
Madagascar

Tél : + (261 20) 75 512 74
GSM : + (261 32) 02 450 25
           + (261 32)40 481 75

Email : angapfnr@mel.moov.mg
           angapfnr@yahoo.fr
           fnr.parks@gmail.com

Réserve Spéciale Kalambatritra
BP. 35 – 613 Betroka

Chef de Réserve  : RARIVOARIVONY Serge
Tél. : + (261 33) 12 831 44
 

 

Raggiungete le Bara e visitate il loro bel paese. Ciascuno di loro villaggio dispone di un'area che serve a preparare il vostro pasto. Il senso dell’ospitalità non rimane lettera morta. I giovedi sono il giorno del mercato a Ivahona e i venerdi a Betroka. E un occasione sognata di vivere alla Bara

Assistete pure allo sport tradizionale, la lotta è conosciuta sul nome di « Ringa ».